Autolesionismo

Tagli, graffi, bruciature. Con i gesti autolesivi alcune persone, sempre più spesso adolescenti, infliggono a loro stesse un dolore che lacera il corpo. Spesso questo raccontano: “Quando mi taglio mi sembra che tutta la rabbia che ho venga portata via...” oppure “Non ho più emozioni né sentimenti. Quando mi taglio è come se tornassi a sentire qualcosa”. Qual è la storia di questi giovani? Cosa tentano disperatamente di recuperare attraverso un atto talmente inquietante? La dimensione affettiva, la capacità di un “sentire” permette loro di conoscere le relazioni che vivono. E' in questa dimensione profonda e nella sua alterazione che vanno ricercate le cause della sintomatologia. 

 @Cecilia Di Agostino, Marzia Fabi, Maria Sneider, 2016 - Autolesionismo. Quando la pelle è colpevole, L'Asino d'oro edizioni s.r.l.